Projects Abroad

Genitori di Francesca Fanfani (Tanzania)

Francesca Fanfani

Quando nostra figlia ci ha comunicato che avrebbe avuto intenzione di fare un esperienza di volontariato, siamo stati, mia moglie ed io,molto contenti . Ci pareva molto bello che fosse un suo desiderio e una sua iniziativa. Poi ci pensi un po' su e cominci a farti le domande logiche di un genitore moderatamente apprensivo. Dove andra' , con chi, quali pericoli e via di questo passo. Ma nostra figlia ci anticipo' , aveva gia' fatto le sue bravericerche e un bel giorno di Marzo, o Febbraio, non ricordo bene, ci"commissariò per andare all ' open day di Projects Abroad. Gia' il fatto che ci fosse un open day ci aveva fatto un ottima impressione, poi ci siamo informati anche noi , e tutto confermava l'analisi di Francesca , in positivo.
Ma quello che ci ha convinto definitivamente e' stato l'open day. Abbiamo respirato uno spirito di partecipazione autentica da parte dei volontari che raccontavanno le loro esperienze, uno spirito positivo e contagioso , anche quando raccontavano con trasparenza gli inevitabili disagi del loro viaggio; e parallelamente si percepiva una organizzazione retrostante molto professionale e scrupolosa nel selezionare e organizzare le missioni.
Abbiamo quindi assecondato il desiderio di Francesca , che , assieme a due sue amiche e' stata 2 settimane in Tanzania. Quest’esperienza ha avuto 2 principali effetti su Francesca.
Il primo , più prevedibile, è stato l'allargamento della visuale su di un mondo che somiglia molto poco a quello in cui vive tutti i giorni; vedere cosa vuol dire vivere nei paesi del sud del mondo ha ridisegnato la gerarchia delle sue priorità. Pur continuando a fare la sua vita di teenager , è molto più attenta alla realtà sociale e sopratutto ai suoi disagi, vuole informarsi sempre di più, ad esempio legge l'Internazionale e vorrebbe trovare il modo di impegnarsi nel sociale anche a Milano.

Francesca Fanfani

Il secondo aspetto è la sua decisione di orientarsi per il futuro universitario su International relations, con l'obiettivo di lavorare in organizzazioni internazionali a carattere umanitario, con particolare riferimento all'Africa.
In conclusione, è stata un esperienza molto positiva che potrebbe avere una influenza molto significativa sui prossimi anni di Francesca! E come miglior prova che la fiducia in lei e in Projects Abroad era ben riposta ci sono il suo sorriso nelle foto del campo e la sua decisione di tornare in Africa quest' anno con Projects Abroad, credo voglia andare in Ghana!

Genitori di Francesca Fanfani

Questo è il racconto dell'esperienza di un volontario che ha partecipato al progetto e rappresenta un'istantanea nel tempo. La tua esperienza può essere diversa, in quanto i nostri progetti si adattano costantemente alle esigenze delle comunità locali e agli obiettivi raggiunti. Anche fattori i climatici possono avere un grosso impatto. Scopri di più su questo progetto o contattaci per maggiori informazioni.

Torna in Testimonianze dei volontari