Projects Abroad

Campo di orientamento alla Medicina in Nepal, di Luca Dante

Che cosa fare da grande?

Volontario gioca con i bambini in Nepal

All’età di 14 anni ho iniziato a viaggiare da solo per andare a studiare inglese in Inghilterra e USA ma nell’estate 2017 ho voluto fare qualcosa di diverso. Non volevo più solo studiare inglese ma fare qualcosa di più, qualcosa che mi chiarisse le idee sul futuro dal momento che tra poco avrei dovuto iscrivermi all’università ed ero abbastanza confuso. Ero indeciso tra medicina e biologia e non riuscivo a venirne a capo.

Un giorno tornai a casa da scuola e mia madre mi presentò questa associazione di nome Projects Abroad.

Fin da subito ne rimasi affascinato nonostante le località in cui andare non sembrassero a prima vista molto "confortevoli". Mi feci coraggio e decisi che sarei partito!

Lo staff di Projects Abroad mi ha aiutato, rassicurato e consigliato per diverse settimane prima della partenza soprattutto riguardo problemi di tipo burocratico come il visto.

Il mio arrivo in Nepal

Arrivato a Kathmandu ero tutto tranne che tranquillo, ma lo staff locale mi ha "raccolto" all’aeroporto e condotto all’albergo. Sono rimasto piacevolmente stupito dalla sistemazione perché, nonostante fosse abbastanza spartana, mi aspettavo di peggio. Ho conosciuto il gruppo degli altri volontari e lo staff locale. Il giorno seguente, alle 5 del mattino, siamo ripartiti alla volta di Bharatpur dove saremmo rimasti per due settimane circa per svolgere il nostro lavoro. Prima di partire, in molti mi hanno detto di stare attento al cibo che avrebbe potuto darmi problemi intestinali ed anche lo staff locale il primo giorno ci disse che non si è mai stati veramente in Nepal se non si ha avuto modo di sperimentare "la diarrea del viaggiatore": ma in fondo anche questo fa parte dell’avventura, no?

Le attività per il progetto di Medicina

Bambini in Nepal

Ogni giorno venivamo condotti dallo staff locale in giro per le strutture sanitarie di Bharatpur alternando ospedali a studi odontoiatrici e cliniche. Personalmente ho trovato queste "ronde" molto utili dal punto di vista pratico perché, nonostante noi avessimo tanto da imparare, abbiamo comunque avuto modo di assistere ad interventi chirurgici come parti cesarei e appendicectomie; inoltre, al pomeriggio spesso avevamo lezioni teoriche di medicina e una volta ci hanno portato ad un obitorio dove abbiamo lavorato su cadaveri come in una vera lezione universitaria.

Tutto ciò è stato molto utile ma la cosa che mi rimarrà per sempre impressa sarà la folla di bambini sorridenti e felici, con cui ho giocato a badminton nella clinica per bambini malati di HIV/AIDS, a Kathmandu. Non riuscivamo a comunicare ma molte volte basta uno sguardo per capirsi e due racchette per passare una giornata memorabile.

I nepalesi e la loro cultura

Pescatore su una barca in Nepal

Per concludere, vorrei dire due parole sui Nepalesi e la loro cultura: prima di venire ero molto preoccupato, perché avevo paura che fosse un posto pericoloso e che le persone fossero poco accoglienti, ma arrivato là mi sono ricreduto. Nella mia vita ho viaggiato molto e non avevo mai trovato un popolo così cortese e gentile. Nonostante il Nepal sia una tra le nazioni più povere del mondo, ovunque tu vada i nepalesi ti offriranno una camera, da mangiare e bere, e più tempo stai con loro più li rendi felici. Sia che eravamo in ospedale, sia nel mezzo della foresta durante un safari la gente ti si accosta per scambiare due parole.

Personalmente io consiglio il Campo di orientamento alla Medicina in Nepal a tutti coloro che sono incerti se fare un’esperienza di volontariato oppure no, perché a me ha chiarito veramente le idee!

Luca Dante

Questo è il racconto dell'esperienza di un volontario che ha partecipato al progetto e rappresenta un'istantanea nel tempo. La tua esperienza può essere diversa, in quanto i nostri progetti si adattano costantemente alle esigenze delle comunità locali e agli obiettivi raggiunti. Anche fattori i climatici possono avere un grosso impatto. Scopri di più su questo progetto o contattaci per maggiori informazioni.

Torna in Testimonianze dei volontari