You are from: United States, Go to our American website.

Projects Abroad

Grandi progressi per il progetto Disaster Relief in Nepal

Ultime notizie

L’otto giugno scorso è stato ufficialmente lanciato il progetto Disaser Relief in Nepal; sia lo staff che i volontari hanno lavorato sodo già dal primo giorno, determinati a ricostruire scuole ed infrastrutture un mattone alla volta.

Mr. Surendra Maharjan, preside dellaSunrise School, al nuovo sito della scuola a Kathmandu in Nepal, dove i volontari di Projects Abroad stanno ricostruendo una nuova scuola.I due devastanti terremoti che hanno colpito il Nepal nei mesi di aprile e maggio hanno segnato il popolo nepalese con profonde cicatrici fisiche ed emotive. La nazione ha dimostrato  grande forza e volontà di rimettersi in piedi a seguito dei terremoti, ma purtroppo ci vorrà del tempo prima che tutte le infrastrutture del paese possano tornare a funzionare.

Una catastrofe naturale di questo tipo crea tre esigenze primarie: istruzione, igiene e alloggi. Il progetto Disaster Relief di Projects Abroad si concentra quindi su queste aree chiave.

Nel distretto colpito in maniera più violenta, 9 scuole su 10 sono state distrutte, lasciando migliaia di bambini senza un posto sicuro e asciutto per imparare. Un’interruzione nella continuità dell’istruzione può essere estremamente dannosa e può avere un impatto duraturo sulla comunità. Sebbene fondazioni locali abbiano istituito scuole temporanee, sussiste tuttora una carenza di spazio e di docenti. Attraverso il nostro lavoro, ci proponiamo di aiutare gli insegnanti locali e costruire nuove aule per le scuole con cui collaboriamo.

Istruzione

Per la prima fase del progetto, il team Disaster Relief si sta concentrando sulla Sunrise School, una scuola con cui collaboriamo da lunghi anni. La scuola ha subìto danni gravissimi durante il terremoto, lasciando gli insegnanti e gli alunni senza un edificio dove imparare. Per fortuna, hanno trovato un nuovo terreno adiacente a Bhaisepati, Kathmandu, dove hanno creato una scuola temporanea.

Costruiremo servizi igienici e docce per la Sunrise School e lavoreremo sulla struttura principale dell'edificio. I servizi igienici ed i bagni sono stati progettati per essere antisismici e saranno costituiti da una miscela di mattoni, cemento, materiali prefabbricati e lamiera ondulata. La nuova scuola avrà 16 aule e potrà ospitare fino a 250 bambini di età compresa tra uno e sedici anni.

La ricostruzione della scuola Sunrise è iniziata alla grande, con 20 volontari che hanno già scavato le fondamenta per l'intera scuola nella prima settimana di lavoro. Successivamente hanno aggiunto cemento per rafforzare le fondamenta, e in seguito procederanno con i mattoni.

Igiene

Per la seconda fase del progetto Disaster Relief, ci concentreremo su problemi di igiene. Abbiamo identificato diversi siti che hanno bisogno di servizi igienici e docce, comprese altre scuole e servizi per coloro che vivono negli alloggi temporanei. Al fine di lavorare in modo più efficace, duplicheremo gli stessi servizi igienici progettati per la Sunrise School.

Alloggi

: I volontari di Projects Abroad scavano le fondamenta per la Sunrise School di Kathmandu, NepalLa terza fase del progetto si concentrerà sugli alloggi. Projects Abroad Nepal collaborerà con la Nepal Youth Foundation per la costruzione di 100 abitazioni temporanee per le famiglie locali, che non hanno una casa in cui tornare. Poiché il 46% delle abitazioni a Kathmandu è stato dichiarato inagibile, molte famiglie dormono sotto tende improvvisate negli spazi pubblici e purtroppo questa situazione si protrarrà ancora per parecchio.

A causa della natura stessa del progetto, che intende supplire laddove si rileva la necessità di soccorsi, il programma si svilupperà organicamente seguendo le esigenze della comunità man mano che queste diverranno più chiare.

Per saperne di più sul progetto Disaster Relief in Nepal e per scoprire come partecipare, chiamaci al +3908119139962 oppure contattaci.

Progetti in Nepal.

Attualità

Feedback
Sembri interessato ai nostri progetti! Ti va di dirci qualcosa in più?
Sì, mi fa piacere! Non ora, grazie.